Tagli alla sanità: riparte la mobilitazione anche a Villacidro

0

Con la manifestazione del 15 di giugno contro il trasferimento del servizio di diabetologia dall’ospedale di San Gavino, anche il Comitato “Casa Della Salute” Villacidro ricomincia la mobilitazione a difesa dei presidi sanitari del territorio.

Dalla sua pagina facebook, che conta già più di 500 adesioni, lancia l’appello per la riattivazione dei numerosi servizi della Casa della Salute soppressi o drasticamente ridimensionati negli ultimi anni.

Di seguito il testo della lettera inviata agli organi istituzionali e alla stampa venerdì 19 giugno 2020.

Alla Sindaca e alla Giunta comunale

Ai Consiglieri comunali di Villacidro

All’Assessore Regionale alla Sanità

Dr. Nieddu

Ai Consiglieri Regionali

All’ATS Sardegna

Alla Direzione generale della Assl Sanluri

Al presidente della conferenza dei sindaci dei distretti di Sanluri e Guspini

A tutti gli organi di stampa

Difesa della rete territoriale della sanità pubblica _ Richieste per la Casa della Salute Villacidro

                Come Comitato, nato in difesa della Casa della Salute di Villacidro e della sanità pubblica in Sardegna (facciamo parte della rete dei comitati sardi per la difesa della salute pubblica), da qualche tempo stiamo assistendo al lento ma inesorabile smantellamento della rete sanitaria territoriale, costituita da Case della salute e dagli Ospedali territoriali (NS Bonaria di San Gavino Monreale, San Giuseppe di Isili, San Marcellino di Muravera, Ghilarza, la Maddalena, Tempio, Sorgono, ecc.) a causa della riorganizzazione della rete ospedaliera sarda, verso la privatizzazione di tutti i servizi (come il modello Lombardia, che ha mostrato con il Coronavirus i suoi disastrosi limiti) e secondo un logica di tagli che colpisce esclusivamente il diritto alla salute e alle cure.

                Oggi le conseguenze della riforma regionale colpiscono, per esempio, il reparto di Diabetologia dell’Ospedale di San Gavino che viene trasferito a Sanluri. Ma sappiamo bene che il trasferimento di Diabetologia – osteggiato dai sindaci e dalle sindache e da comitati di cittadini e utenti, che purtroppo vivono ogni giorno sulla loro pelle la criticità degli spostamenti da un comune all’altro – non è un caso isolato.

                Infatti, nella Casa della Salute di Villacidro, il centro dell’ex provincia del Medio Campidano, con il maggior numero di abitanti (13.846, Istat giugno 2019), i servizi sono stati ridotti, trasferiti o chiusi a partire dal 2018, quando come Comitato abbiamo denunciato la situazione organizzando un incontro con l’allora manager della ASL, Dr. Onnis, a cui era stato chiesto di farci conoscere le prospettive per la Casa della Salute di Villacidro. In quell’occasione né dall’amministrazione comunale né da dr. Onnis ottenemmo risposte che non fossero generiche promesse mai mantenute.

                Come allora, anche oggi diciamo che la Casa della Salute di Villacidro va difesa e la situazione presa in seria considerazione per la popolazione numerosa a cui deve rispondere e per le conseguenze ancora più gravi: la mancanza di servizi sanitari vicini costringe le persone a rinunciare a curarsi (in Sardegna abbiamo un record negativo), per la difficoltà di spostamento da un comune all’altro e per problemi economici.

                Per questa ragione, chiediamo anche Consiglio Comunale di Villacidro di farsi portavoce delle istanze del territorio presso la Regione Sardegna affinché si ponga fine alla politica di riorganizzazione scellerata, di privatizzazione e di tagli ai servizi.

                Chiediamo pertanto che tutti i destinatari della presente nota, elaborata con la partecipazione di centinaia di cittadini/e che hanno contribuito a diffonderla ed integrarla, si facciano portavoce delle richieste e all’Assessore Nieddu, nello specifico, di accoglierle e intervenire nella misura adeguata per risolvere una situazione che sta compromettendo la qualità della vita in un territorio già ampiamente colpito da crisi economica, occupazionale, sociale e sanitaria.

Nello specifico chiediamo che nella Casa della Salute di Villacidro:

  • venga riattivato il laboratorio di radiologia, chiuso qualche anno fa, che funzionava perfettamente;
  • venga riaperto il servizio di Igiene Pubblica (vaccini, porto d’armi e rinnovo patente),oggi trasferito a San Gavino;
  • venga nominato un numero congruo di pediatri, visto che con il pensionamento di Dr. Vacca è rimasta solo la Dr.ssa Gallo: ciò non permette ai genitori di scegliere o li costringe a rivolgersi a pediatri di altri comuni del circondario;
  • venga attivato l’ambulatorio di Ortottica, in particolare per i bambini, utile alla prevenzione, valutazione e terapia dell’occhio pigro e strabismo e per l’esame campo visivo, soprattutto per i pazienti glaucomatosi e con malattie degenerative. Oggi i cittadini del Medio Campidano si devono1 rivolgere fuori dal territorio, in sedi lontane e spesso rinunciano alle cure proprio per questo motivo.
  • vengano riattivate immediatamente le visite specialistiche, in automatico per le prenotazioni già fatte e revocate causa Covid 19, e con prenotazione e visita immediate per gli altri specialisti, vista la gravità di numerose patologie oggi trascurate;
  • venga reso libero l’accesso e libera la permanenza presso l’androne della Casa della Salute (sala d’aspetto) agli utenti, anziani/e, genitori, bambini/e, malati ecc. che oggi attendono per ore, sotto il sole, all’aperto, senza possibilità di riparo. La sala d’aspetto della casa della salute è per sua natura zona confortevole, sicura, arieggiata e adeguata al rispetto delle norme di sicurezza anti Covid 19;
  • vengano nominati medici di base in numero adeguato alle necessità diuna popolazione numerosa come quella di Villacidro (a fronte di 3 pensionamenti di medici di base è stato nominato un solo nuovo medico) che ha diritto di avere margine di scelta, trattandosi appunto del proprio medico di base, figura importante e di fiducia.

Chiediamo una presa di posizione a favore dei servizi di Villacidro e della cittadinanza.

Il Comitato in difesa della Casa della Salute di Villacidro

Che ad oggi conta oltre 500 aderenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.