“Ho perso mio fratello per un melanoma, controllatevi, potreste salvarvi la vita”

0
Bryan Perra

Il melanoma è una forma molto pericolosa di cancro che colpisce la pelle ed è considerato responsabile del 79% di decessi per tumore all’epidermide. Negli ultimi anni c’è stato un incremento nella sopravvivenza di oltre 5 anni nei pazienti affetti da questa malattia. Questo è dovuto soprattutto alla diagnosi precoce, e allo screening che la Assl offre gratuitamente una volta all’anno in tutti i poliambulatori. “Bryan – racconta il fratello Alessio Perra, 35 anni di Quartucciu – aveva solo 27 anni quando è iniziato il suo calvario. All’epoca avevo 23 anni e alla notizia che lui aveva un bruttissimo melanoma, a me e ai miei genitori, ci è crollato il mondo addosso”. I familiari non si danno pace per la scomparsa di Bryan: “Era un ragazzo solare – raccontano i familiari – aveva un lavoro e una fidanza poi tutto il suo mondo è cambiato quando ha scoperto del suo male, ma fino all’ultimo è rimasto una persona solare e allegra”.

Alessio Perra

C’è una cosa che però tormenta i familiari. “Bryan non era molto regolare con i controlli – racconta il fratello Alessio – aveva un neo nella schiena, diventato enorme col passare degli anni, sanguinava e solo per puro caso è stato scoperto dal medico di famiglia che lo ha fatto ricoverare d’urgenza all’ospedale oncologico di Cagliari. E’ stato operato subito, e già dall’inizio sapeva di non avere molte chance, ma ha continuato a sperare e curarsi. Ha fatto varie chemio, addirittura si erano stabilizzati gli esami e per tre mesi lo hanno rimandato a casa, ma poi quando è tornato per una visita di controllo ha scoperto di essere pieno di metastasi e dal giorno non è più uscito dall’ospedale.” “Quasi alla fine – prosegue Alessio – gli hanno permesso di tornare a casa un giorno per il suo compleanno. È stata una cosa bellissima e allo stesso tempo difficilissima perché sapevamo che era l’ultima volta”.

Il 20 dicembre del 1997 Brian è morto all’età di 30 anni con un’intera vita ancora da vivere lasciando un fratello e due genitori stupendi. Superare un lutto cosi innaturale è senza dubbio difficilissimo ma Alessio continua dicendo “Controllatevi, andate alle sedute di screening organizzate dalla Assl, potrebbero veramente salvarvi la vita.”

Federica Vacca
Federica Vacca

Per contattare Federica utilizza il modulo qua sotto