Villacidro, convegno sulle prospettive e gestione dei nostri boschi

0

VILLACIDRO. Domani sabato 9 dicembre, alle ore 17, presso il Mulino Cadoni, si terrà il convegno “Il Bosco”, incentrato sulle prospettive, sulla cultura e gestione del patrimonio boschivo nostrano. Interverranno personaggi di spicco esperti in materia tra i quali Giuseppe Delogu (ex comandante provinciale del Corpo Forestale) e Carlo Poddi (libero professionista a cui il Comune di Villacidro ha conferito l’incarico di assistente al RUP del Comune, Francesco Pisano, per l’aggiornamento del SIC). L’evento è organizzato dall’associazione culturale “Assotziu Biddaxidru Bidda Nostra”.

L’associazione culturale “Assotziu Biddaxidru Bidda Nosta” si è formata il 2 agosto del 2017. Non ha fini di lucro e, come riportato nel suo statuto, “si propone di intervenire nel dibattito culturale e politico con proposte, idee, campagne civili e culturali e di tenere convegni e seminari con esclusione dell’esercizio di qualsiasi attività commerciale che non sia svolta in maniera marginale”. L’associazione è nata in casa “Alternativa Civica”, coalizione che ha vinto le ultime elezioni comunali e la sua matrice politica è facilmente deducibile, vista la vicinanza dei suoi componenti agli amministratori in carica nella città di Villacidro: Vincenzo Imbrosciano, fidanzato del numero uno della Villaservice Manuela Collu, è il suo Presidente, mentre Alessandro Scano, sostenitore di Alternativa Civica, è il vice presidente. Penelope Bartola, anche lei sostenitrice di Alternativa Civica, è il suo segretario.

Se da un lato c’è l’impegno delle associazioni affinché il bosco non abbia più un ruolo marginale nelle comunità, dall’altra ci sono amministrazioni che si “scordano” di presentare le domande per accedere a dei finanziamenti. Resta ancora l’amaro in bocca per aver visto sfumata l’opportunità di ricevere un contributo per il  “Sostegno alla stesura dei piani di gestione forestale o di strumenti equivalenti”. Un importante occasione persa per la valorizzazione del proprio patrimonio boschivo. In Consiglio Comunale si è accesa un’aspra polemica che ha coinvolto l’assessore Giuseppe Ecca e un dipendente comunale. L’assessore Ecca, accusato di aver perso il bando, si è difeso dicendo che non era compito suo occuparsi della questione, addossando eventuali responsabilità sulla struttura burocratica. Si scoprirà solo successivamente che non era stata nemmeno presentata la domanda per partecipare al bando.