Ultimatum dei comitati, lettera in Regione e Procura:”No alla mega discarica”

0

VILLACIDRO. Assemblea Permanente Villacidro e Comitato Nomegadiscarica lanciano un ultimatum al Consorzio Industriale. Se entro il 20 dicembre prossimo il Consorzio non adotterà un provvedimento di annullamento di tutte le procedure intraprese per la costruzione del terzo modulo della discarica consortile si passerà alle vie legali e l’ente verrà citato in giudizio. La lettera, firmata dalle associazioni contro l’ampliamento della discarica, è stata recapitata, oltre al presidente del Consorzio Industriale Villacidrese Luca Argiolas, anche alla Procura della Repubblica, al governatore della Sardegna Francesco Pigliaru, all’amministratore straordinario della Provincia Giorgio Sanna, alla Corte dei Conti, all’assessore regionale per la difesa dell’ambiente Donatella Spano e al Comune di Villacidro. Le motivazioni che portano le due associazioni a minacciare di citare in giudizio il Consorzio si basano su una delibera del Consiglio comunale villacidrese risalente al 29 novembre 2016, in cui veniva bloccato a tempo indeterminato il progetto di realizzazione della mega discarica. “Tale delibera – recita la lettera recapitata in Procura – non è mai stata annullata né revocata da altro atto dell’organo consiliare e che ad oggi è l’unico atto cui il Consorzio deve rifarsi”. Per chiudere il ragionamento, le associazioni sottolineano che “la discarica ricade unicamente sul territorio di Villacidro, su cui il Consiglio Comunale è sovrano”. Le accuse al Consorzio diverrebbero veri e propri reati, nel caso in sede processuale venisse data ragione alle due associazioni ambientaliste. “Infatti – continua il comunicato – il Consorzio, nel caso in cui stesse proseguendo nel procedimento suddetto, si starebbe ponendo in aperta violazione delle norme e starebbe adottando atti gravemente viziati ponendosi nella posizione di dover rispondere di eccesso di potere, violazione di legge e di incompetenza assoluta formale e di merito”. Occorre vedere se il Consorzio risponderà a questa formale ingiunzione o se getterà la spugna decretando la fine di un progetto osteggiato su più fronti. (i.f.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here