Villaservice, Piga e Collu multati dal Noe: la Procura indaga

1
SALVATORE PIGA E MANUELA COLLU

VILLACIDRO. Salvatore Piga, ex presidente della Villaservice, e la sostituta, Manuela Collu, una cosa in comune ce l’hanno: sono stati multati dai carabinieri del Noe per la mancata comunicazione all’Arpas e alla Provincia del Medio Campidano, degli incendi che si sono verificati all’interno della struttura, rispettivamente nei periodi in cui erano loro a dirigere la società: uno nel 2016, l’altra nel 2017. In comune hanno anche una differenza. Piga, interpellato telefonicamente, risponde: “Una multa? Assolutamente no. Non mi è stata mai notificata alcuna sanzione. Non ho mai pagato alcunché”. L’ex Presidente mente sapendo di mentire. Collu, invece, ammette il verbale di contestazione e chiarisce: “Stiamo lavorando per adeguarci e rispettare la normativa, entro i tempi previsti”. Era il 19 settembre quando i carabinieri del Noe di Cagliari, coordinati dal maggiore Angelo Rubechini, unitamente ai carabinieri della Compagna di Villacidro, guidati dal maggiore Andrea Cassarà, fecero un sopralluogo nella sede della Villaservice, rilevando alcune irregolarità sulla procedura degli incendi avvenuti nell’impianto nel corso del 2017, per l’esattezza il 20 maggio, il 14 aprile e il 28 agosto.

INCENDIO ALLA VILLASERVICE DEL 28 AGOSTO 2017

In particolare la contestazione recita che “non è stata osservata la prescrizione indicata al paragrafo 12 dell’autorizzazione integrata del 2010 della Provincia del Medio Campidano, relativa alla tempestiva comunicazione alla Provincia e all’Arpas di eventuali inconvenienti o incidenti che influiscono in modo significativo sull’ambiente”. Un errore che è costato 3.250 euro di multa alla società di raccolta rifiuti, notificata direttamente alla presidente che ora assicura: “Ci stiamo adeguando”. Come mai il direttore dell’impianto di smaltimento dei rifiuti della Villaservice, Massimo Cortese, uomo di esperienza ultra decennale, avrebbe commesso una leggerezza simile? A chiarire il dubbio è la stessa presidente: “Ho interpellato il dirigente tramite una richiesta scritta e mi ha risposto che il piano di emergenza non prevede comunicazioni al di fuori di quelle prescritte per gestire gli interventi di vvff 118 e protezione civ. A seguito della contestazione notificata dal NOE è stata avviata una procedura di non conformità nella quale si è previsto di integrare nel piano di emergenza una comunicazione da inoltrare anche agli enti di controllo”. Il sopralluogo dei militari rientra nelle operazioni d’indagini relative al procedimento penale in corso della Procura della Repubblica di Cagliari, sull’esposto presentato dall’ex consigliere comunale Antonio Muscas, in seguito all’incendio del 21 luglio 2016,  quando a dirigere la Villaservice era Salvatore Piga. I carabinieri, arrivati sul posto per indagare sull’incendio, hanno verificato illegittimità anche in altri casi. L’impegno della società è ora evitare di finire davanti ai giudici estinguendo il reato col pagamento della multa e la comunicazione intimata.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here