Traffico di droga tra Cagliari e provincia: tra i 55 indagati anche 2 villacidresi.

Dopo 10 anni di inchieste saltano fuori i nomi di 55 indagati. Tra loro 2 Villacidresi.

0

CAGLIARI. Tutto è iniziato nel 2007, con il sequestro di un panetto di eroina purissima da un kg nei pressi di Piazza Falchi a Cagliari. Dopo il sequestro della droga è scattata un’inchiesta che ha tenuto occupata la Direzione distrettuale antimafia per un decennio. Le indagini sono state affidate ai carabinieri della Compagnia di Sanluri e della Stazione di San Bartolomeo, all’epoca sovraintesi rispettivamente dai marescialli Fabrizio Mancosu e Mauro Secci aiutati anche da Paolo Floris e Gianluca Puletti, che in quegli anni ricoprivano i ruoli di comandanti delle Compagnie di Cagliari e Sanluri. Secondo la ricostruzione da parte del sostituto procuratore Danilo Tronci, esisterebbero tre nuclei associativi differenti, dediti soprattutto allo smercio di eroina e hashish, due dei quali dislocati a Cagliari nei rioni di San Michele e Sant’Elia, e un altro nel Medio Campidano con base principale nel paese di Serramanna. La banda di San Michele avrebbe avuto come figura principale quella di Giovanni Vacca, mentre Giancarlo Lepori, Marcello Vistosu e Vicenza Marini si sarebbero occupati dei traffici tra Sant’Elia e Piazza Falchi, dove le indagini hanno avuto inizio. La banda di Serramanna, invece, avrebbe avuto in Giampaolo Orrù la sua figura di spicco, Orrù che, secondo gli inquirenti, avrebbe acquistato la droga direttamente in Lombardia per poi rivenderla in Sardegna.
Gli indagati stanno vedendosi recapitate in questi giorni le notifiche di avviso da parte dei militari. Dopo la consegna delle notifiche, gli imputati e i loro rispettivi legali avranno a disposizione l’intero fascicolo delle indagini e potranno così scegliere di farsi interrogare. In seguito, il PM Danilo Tronci potrà decidere per quali persone formulare il rinvio a giudizio. A tutti è stato contestato il reato associativo. Ecco il lungo elenco delle persone coinvolte nelle indagini:
Alessandro e Gianluca Boi (49 e 50 anni), Roberto Bollea (45), Francesca Capizzo (41), Daniele Cherchi (45), Luca Corso (44), Luigi Di Martino (45), Gabriele Fanni (48), Fortunata Feboli (55), Angela Ibba (48), Antonio Laconi (58), Giancarlo e Gianni Lepori (59 e 50), Vincenza Martini (57), Riccardo Mereu (39), Simone Nossardi (30), Ferdinando Orrù (66), Massimo Paderi (47), Stefano Pau (44), Gianluca Perdisci (42), Giampiero Pisano (53), Gesuino e Roberto Porcu (49 e 56), Nicola Portoghese (37), Franco Puddu (46), Emanuele Saba (42), Massimiliano Sarritzu (43), Stefano Serra (46), Valeria Uras (48), Roberto Usai (50), Giovanni Vacca (54) e Marcello Vistosu (45). Fabrizio Zuddas, 45 anni, originario di Cagliari ma residente ad Ancona. Di seguito i nomi degli indagati facenti parte del gruppo di Serramanna: Mauretto Altea (50 anni), Michele Caboni (32), Massimo Caschili (57), Alessandro Dettori (38), Giampiero Lecca (51), Michele Leo (31), Giampaolo e Giuseppe Orrù (50 e 51), Alessandro, Marco e Roberto Pillitu (37, 28 e 34), Alessandro Pinna (40), Giovanni Putzu (42) e Roberto Satta (40). Massimiliano Farchi (44 anni di Siliqua), Pasquale Manca (34 anni, di Monserrato), Claudio Melis (51 anni di Elmas), Stefania Ortu (35, di Villacidro), Angelo Francesco Pintore (54, di Domusnovas), Luciano Pitzalis (55, di Villamar), Paolo Racis (29, di Villasor) e Nicola Serra (36, di Villacidro).

CONDIVIDI

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.