Riccardo Cadoni e la sua politica, due anni dopo cos’è cambiato?

13

Riccardo Cadoni, figlio di un candidato della lista che ha incoronato Teresa Pani sindaco, fece molto scalpore per le sue pungenti dichiarazioni contro la politica villacidrese.

Sono trascorsi due anni dal giorno in cui abbiamo intervistato un giovane villacidrese durante la campagna elettorale delle ultime comunali villacidresi.
Abbiamo scelto di riproporvi la sua intervista perché stando alle lamentele della gente, la situazione non solo non è cambiata, ma per alcuni è addirittura peggiorata. Purtroppo l’atteso “riavvio” del paese non c’è stato, evidentemente è stato scelto un “tecnico” sbagliato che, per il momento, non ha riavviato nessun “computer”.

La sua intervista fece molto scalpore perché figlio di Dante Cadoni, noto e stimato ex dipendente comunale, candidato nella lista di Teresa Pani. Le sue dichiarazioni qualcuno le definì “un pugno nello stomaco”. Oggi più che mai abbiamo bisogno di politici onesti e non di beceri personaggi accecati dal potere e dall’ingordigia i quali ricorrono al Tar quando il potere gli viene tolto. La legenda metropolitana narra che furono distribuite bombole e buste della spesa, chissà se sapremo mai la verità.

La voglia di cambiamento deve arrivare dal basso, il popolo ha il potere in mano e non il politico di turno, questo c’è lo dobbiamo mettere in testa. Ascoltiamo questi 8 minuti di intervista e riflettiamo sulle parole di questo giovane villacidrese che in qualche modo ha sfidato i “potenti” di turno esternando il suo punto di vista senza il timore di possibili ritorsioni. “Basta con le solite promesse da baracconi”. Esordisce così, in questa intervista, il giovane villacidrese deluso dal mondo della politica, stanco delle “solite promesse preelettorali di un mondo fatto di illusionisti”. Duro, durissimo e non risparmia nessuno. Riccardo Cadoni si dichiara portavoce di una realtà villacidrese conosciuta da tutti, ma alla quale nessuno a mai dato importanza, se non due mesi prima delle elezioni.

Villacidro.info

CONDIVIDI

13 COMMENTI

      • Bravissimo Antonio, anche se questa intervista è stata proposta in fase nazionale, e non c’entrava niente ora! Si vede che si voleva cercare di togliere dei voti al centro sinistra, e poi l’intervista è di due anni fa e l’ intervistato non ha mai lavorato alla villaservice come dice la zia!! La guerra tra i poveri è per i poveri di mente…lasciamo perdere se siamo intelligenti…

  1. Sono una vita che in via corterisoni e nei seggi di via farina, i giovani e non,votano centrosinistra,.cosa pretendono poi,.?per non parlare della nostra provincia del medio campidano comunista e quella di carbonia iglesias ,.le piu’ povere d’Europa,.non bisogna piangere nel latte versato,.!effettivamente mio nonno aveva ragione a dire che i comunisti vivono di assistenzialismo e sono la rovina del mondo,.,!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.