Fabio Aru cerca un bis di prestigio sui tornanti della Valle d’Aosta

3

Un altro importante appuntamento per Fabio Aru. All’mergente ciclista sardo, considerato uno dei più forti scalatori tra i giovani, è stato concesso dall’Astana (squadra professionistica kazaca, diretta dagli italiani Giuseppe Martinelli e Guido Bontempi che lo vedrà tra le sue file dai primi giorni di agosto) di partecipare all’internazionale a tappe Giro della Valle d’Aosta per under 23.

Aru un altro ventenne sardo di belle speranze cresciuto nella Carrera Ozieri e tesserato per la Palazzago, Andrea Tocco. Con loro il team bergamasco chiererà Samuele Conti, Simone Sterbini, il bielorusso Stanislau Bazhkou e come riserva l’ucraino Marlen Zmorka.

Il Giro della Valle d’Aosta si svolgerà in sei tappe (più il prologo iniziale) e ha visto nel 2011 il corridore sardo di Villacidro imporsi sullo statunitense Joseph Dombrokswki già vincitore, quest’anno, del GiroBio proprio davanti al corridore sardo.

In passato ad affermarsi in questa prestigiosa corsa a tappe sono stati Gianni Motta, Flavio Giupponi, Enrico Zaina, Ivan Gotti, Wladimir Belli, il sardo Valentino Fois, Claudio Vandelli, Yaroslav Popovych, tutti corridori che nel ciclismo professionistico hanno scritto pagine importanti.

Ci si aspetta dallo scalatore sardo il bis, come in passato hanno fatto Ivan Gotti, già vincitore del Giro d’Italia professionisti e l’ucraino Yaroslav Popovych anche lui cresciuto nella Palazzago di Olivano Locatelli. Questa gara a tappe è l’ultima corsa importante che vedrà impegnato l’atleta cresciuto col Team Giorgione Ozierese Carrera tra gli under 23.

Monserrato Camboni

Villacidro.info – 9 luglio 2012

Articolo interamente tratto da: La Nuova Sardegna

CONDIVIDI

3 COMMENTI

  1. PALAZZAGO (Bergamo) – 22 luglio 2012. Il Villacidrese Fabio Aru,si concede uno splendido bis: Aru è ancora il re! Il sardo, della Palazzago Elledent Mcipollini, ha vinto per il secondo anno consecutivo il Giro della Valle d’Aosta per elite e under 23. Impresa che da quando esiste la più dura gare a tappe del calendario internazionale dei dilettanti è riuscita solo a Ivan Gotti, Yaroslav Popovych a Marco Marzano. E’ la festa di Aru, 22enne cagliaritano di Villacidro con in tasca il diploma al Liceo Classico, grande dominatore sulla terribile ascesa di Tavagnasco (3°tappa) dove da solo ha ipotecato il Giro con un’impresa d’altri tempi. Aru (oggi secondo nella cronoscalata al Col de Bassachaux dietro il russo Chernetskiy) ha regalato grandi emozioni e un ulteriore conferma dei propri mezzi soprattutto quando la strada si inerpica sotto i suoi pedali. Ad attenderlo ora il professionismo: dal 1° agosto infatti Fabio Aru passerà con l’Astana di Beppe Martinelli. Un trionfo di tutta la Palazzago Elledent Mcipollini, diretta da Olivano Locatelli, che pone in primo piano anche il bielorusso Stanislau Bazhkou vincitore della speciale classifica del Gran Premio della Montagna, e uomini di fatica come Simone Sterbini, Samuele Conti e Andrea Tocco.

    Classifica finale
    1. Fabio Aru (Palazzago Elledent Mcipollimi) in 22h 09’34”
    2. Alexander Chernetskiy (Russia) a 3’25”
    3. Andrea Manfredi (Hopplà) a 3’50”
    4. Davide Formolo (Petroli Firenze) a 4’12”
    5. Gianfranco Zilioli (Team Colpack) a 4’35”
    6. Fausto Masnada (Team Colpack) a 5’45”
    7. Pierre Paolo Penasa (Zalf Fior) a 7’34”
    8. Lachlan Morton (Aus-Chipotle) a 10’10”
    9. Francesco Manuel Bongiorno (Hopplà) a 14’56”
    10. Joshua Edmondson (Gbr-Team Colpack) a 21’28”

  2. Complimenti a Fabio per la sua grande prestazione, un bis che fa ben sperare per l’ormai prossima avventura nel professionismo, che lo vedrà impegnato già dal 1 Agosto di quest’anno con la squadra Prof. dell’Astana. Ancora tanti Auguri per la bellissima prestazione, da villacidrese un grazie per aver portato il nome del nostro amato paese alla ribalta di questo splendido sport. Marco Leo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.