Dal 18 al 24 settembre il 32° premio letterario “Giuseppe Dessì”

Alberto Capitta, Roberto Pazzi e Carmen Pellegrino sono i finalisti per la narrativa; Maria Grazia Calandrone, Alberto Nessi e Daniele Piccini per la poesia. Premio speciale della Giuria al filosofo Remo Bodei. Premio Speciale Fondazione di Sardegna a Carlo Ossola e a Massimo Bray.

0

Edizione numero trentadue per il premio “Giuseppe Dessì”, il concorso letterario promosso e organizzato dalla Fondazione “Giuseppe Dessì” e dal Comune di Villacidro, che ha registrato anche quest’anno un cospicuo numero di opere iscritte alle due sezioni in cui si articola, 227 di narrativa e 121 di poesia, con la consueta partecipazione delle principali case editrici nazionali.

APPUNTAMENTI. Spettacoli, musica e una serie di incontri e presentazioni editoriali, sono gli ingredienti principali della settimana culturale che farà come sempre da cornice e prologo alla serata delle premiazioni: un fitto calendario di eventi con tanti ospiti di rilievo, come l’ex magistrato e già presidente della Camera Luciano Violante, Il teologo Vito Mancuso, l’editore Giuseppe Laterza, gli attori Francesca Reggiani e Giobbe Covatta, il regista Gianfranco Cabiddu, i musicisti Enzo Favata, Arrogalla e Gavino Murgia, il fumettista e musicista Davide Toffolo, l’illustratrice francese Rébecca Dautremer, gli scrittori Gianni Morelli, Giada Sundas, Federica Bosco, Alessandro Mari, il filosofo Ermanno Bencivenga, e altri ancora.

FINALISTI. Alberto Capitta con “L’ultima trasfigurazione di Ferdinand” (edito da Il Maestrale), Roberto Pazzi con “Lazzaro” (Bompiani) e Carmen Pellegrino con “Se mi tornassi questa sera accanto” (Giunti) per la narrativa; Maria Grazia Calandrone con “Gli scomparsi” (Lieto colle), Alberto Nessi con “Un sabato senza dolore” (Interlinea) e Daniele Piccini con “Regni” (Manni) per la poesia: sono questi i finalisti selezionati dalla giuria presieduta da Anna Dolfi e composta da Mario Baudino, Duilio Caocci, Giuseppe Langella, Giuseppe Lupo, Massimo Onofri, Stefano Salis, Gigliola Sulis e dal presidente della Fondazione Dessì, Paolo Lusci.

PREMI SPECIALI. Agli stessi giurati spetterà il compito di proclamare e premiare i vincitori nella cerimonia in programma il 23 settembre (dalle 18) nella piazza del Municipio di Villacidro. Nel corso della stessa cerimonia – che, novità di quest’anno, si sposta dalla consueta collocazione domenicale al sabato – verranno conferiti anche altri due riconoscimenti: il Premio Speciale della Giuria che quest’anno viene assegnato al filosofo Remo Bodei, e il Premio Speciale Fondazione di Sardegna in questa seconda occasione viene assegnato al critico letterario Carlo Ossola e a Massimo Bray, direttore dell’Enciclopedia Treccani e presidente del Salone Internazionale del Libro.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here