Scolari e Unicef assieme per difendere i diritti dei bambini

Quasi 800 ragazzi delle scuole dell'obbligo hanno creato 300 pigotte. Il ricavato in beneficenza

0

È stata una grande giornata di solidarietà per aiutare i bambini meno fortunati e per sensibilizzare anche i genitori e i nonni sui temi della mondialità. Martedì scorso, nella sede di via Cavour dell’Istituto comprensivo n° 2 “Giuseppe Dessì”, presieduto da Giuliana Orrù, si è svolta la “Giornata scuola amica dell’Unicef”, alla presenza di 760 alunni delle scuole dell’infanzia, primaria e media.

“L’evento – spiega l’insegnante referente Marinella Giorri – ha visto la nostra scuola aperta al territorio, in modo da condividere con le famiglie, gli enti locali e la stessa cittadina tutti i lavori fatti dagli alunni e docenti, nel corso di quest’anno scolastico, col progetto Scuola amica Unicef. Questi lavori vogliono sensibilizzare tutta la comunità al rispetto dei diritti dei bambini, ora più che mai soprattutto a quelli dei migranti minori, accompagnati e non”.

Negli stand e nei gazebo dell’ampio cortile interno alla scuola sono state esposte le pigotte Unicef e altri splendidi lavori legati al progetto, creati da bambini, ragazzi, genitori e nonni dell’istituto durante i laboratori fatti nel corso di quest’anno scolastico.

“Le 300 pigotte di pezza e di carta – aggiunge Marinella Giorri – sono state realizzate con cura e amore sia dagli alunni coi docenti, che in collaborazione con le famiglie, che hanno contribuito in modo splendido e solidale alla loro nascita. Il ricavato dell’adozione delle pigotte verrà utilizzato per contribuire ad aiutare i bambini dei paesi in sottosviluppo, per le vaccinazioni e per i bambini migranti accompagnati e non. I cartelloni, assieme ad altri lavori documenti multimediali e laboratori del progetto d’istituto, sono stati spiegati e condivisi dagli stessi alunni, che insieme ai docenti, hanno gestito i banchetti aperti alle famiglie e alla comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here