Sport, Fabio Secci ai mondiali di Surf in California

Un villacidrese doc, nato e cresciuto a Villacidro, sarà protagonista con la nazionale Azzurra di Surf il prossimo dicembre in California.

0

E’ la prima volta che un sardo viene selezionato per rappresentare con la FISURF l’Italia. Fabio Secci, 34 anni, di Villacidro, vive da alcuni anni a Londra dove lavora e pratica sport. La protesi che indossa non ha mai rappresentato un limite ma, piuttosto, un modo di affrontare le sfide e imparare qualcosa di nuovo su se stesso. Con il supporto degli amici e della famiglia ha sempre avuto la possibilità di poter praticare differenti sport a livello agonistico, dal basket, in cui ha militato diversi anni in serie D, al surf, per il quale è stato amore a prima vista.
fabio-secci-2Ho iniziato all’incirca due anni fa a Londra nella fredda Cornwall – racconta Fabio – mentre prima mi dilettavo tra skate e sup che comunque a Londra sono più facili da praticare. Credo come tante altre persone che il surf non sia solo uno sport ma uno stile di vita.”
Come è normale che sia ogni sport e ogni limite fisico – spiega il surfista di Villacidro – ha le proprie sfide, nel mio caso sono state trovare la corretta tavola, il giusto grip, una protesi adatta su cui ora sto lavorando con il supporto di Marco Avaro e Digital Orthopedie 4.0, preparazione fisica e mentale e, naturalmente, un minimo di soldi per poter andare a surfare.”
A Londra Fabio ha avuto la fortuna di trovare un lavoro che gli permette di affrontare determinate scelte economiche e con diversi lavoretti freelance e servizi in scuole di surf riesce a coprire varie spese.
L’ISA sarà un momento dove mettere tutta la mia passione e tempo speso allenandomi per dimostrare cosa gli Adaptive athletes possono raggiungere. Una fantastica esperienza dove incontrare nuove persone che come me hanno affrontato delle sfide e imparato da queste.”
Fabio infatti parteciperà al mondiale di Adaptive Surf che si svolgerà in California dall’8 all’11 dicembre 2016. Con lui nel Team Italia ci saranno Fabrizio Passetti e Massimiliano Mattei.
Con Il team Italy e la Fisurf ora stiamo affrontando la sfida di ottenere qualche supporto monetario attraverso una pagina crowdfunding che è online da qualche giorno.”
Fisurf, la federazione italiana di riferimento non ha supporto e fondi dalle istituzioni sportive e ha bisogno di soldi per permettere ai propri atleti di partecipare ai campionati mondiali di Surf.
“Ringrazio tutte le persone che hanno già contributo per rendere il nostro sogno realtà.” “Un sogno – conclude Fabio – che non è legato solo alla passione per questo sport ma spero sia l’inizio di un nuovo capito che darà un futuro migliorare a tutte le persone disabili e non, che aiuterà la Sardegna e l’Italia a capire che lo sport ha bisogno di questi eventi e di aiuti per rendere accessibile questi sport a tutti, perché lo sport è vita e le sfide ci mantengono vivi.
wake-secciTra i progetti per il futuro, nel suo piccolo, Fabio sta seguendo un altro sogno per l’Adaptive Wakeboarding (sport che nasce dalla fusione dello sci nautico e dello snowboard) dal nome “You are your unique limit” che, con l’aiuto di tante persone, potrebbe arrivare presto anche in Sardegna. Non ultimo, come prossimi obiettivi e sfide, Fabio cercherà di supportare l’Italia e la federazione alla partecipazione alle Olimpiadi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here