Giornalismo contro la corruzione politica e malaffare: “Non lasciatemi solo”

29

Ci si domanda sempre più spesso se il cittadino abbia la consapevolezza che il potere lo ha in mano lui, e non il politico di turno.

A distanza di anni la rabbia ha smosso le coscienze di coloro che hanno subito in silenzio i soprusi di politici corrotti, privi di qualsiasi scrupolo. Il popolo ha “fame” di informazioni, non si accontenta più di un semplice volantino di scuse, spesso dal contenuto ambiguo e incomprensibile. Sono passati i tempi in cui il popolo “ignorante”, cosi veniva definito dai malavitosi travestiti da politici, non aveva le capacità di informarsi e capire. I delinquenti non avevano tenuto conto che siamo nell’era di internet, Facebook, informazione indipendente e Blog come (lasciatemelo dire) Villacidro.info.
Ci capita spesso di osservare consiglieri comunali privati della loro personalità, perennemente in attesa di uno sguardo del “capo” e senza mai intervenire in una discussione. Sapete perché? La loro presenza serve semplicemente a confermare, con una alzata di mano, ciò che i “capi” desiderano fare. Quello appena descritto non è Villacidro, ma una piccola realtà dove la corruzione e la politica affarista hanno piantato le proprie radici da ormai troppi anni, ma se qualcuno trova delle similitudini con l’ex capoluogo del Medio Campidano è pregato di andare dalla Magistratura.
Un sistema squallido che puzza, puzza come la più lercia delle discariche, dai dipendenti che odiano a morte i giornalisti, al punto tale che gli fanno visita a casa e non mancano occasione per minacciarlo. La storia insegna: chi ha paura dei giornalisti e non li vuole affrontare, ha sicuramente qualcosa da nascondere. Quello che sta accadendo a Villacidro in queste settimane è qualcosa di incredibile: un popolo unito per la trasparenza e per difendere i propri diritti.

“Non lasciatemi solo”. Gianluigi Deidda

CONDIVIDI

29 COMMENTI

  1. …e te ne sei accorto solo adesso che il sistema puzza? il problema è che questo sistema non può funzionare senza corruzione. La corruzione non è un’anomalia, ma un fattore intrinseco al vigente sistema politico-economico.

  2. Mi auguro che i Villacidresi onesti,abbiano finalmente capito che il tempo delle scelte e’ giunto,non ci sono piu’ alibi.Viviamo tempi drammatici ,dove aasistiamo ogni giorno a un degrado inesorobile della vita civile,di cui la classe politica e’ la prima responsabile.E’ tempo che i cittadini ,al di la’ delle ideologie,riprendano in mano i destini delle loro vite,rimettendo al primo posto il bene comune.Quando una societa’ sta bene,e non mi riferisco solo all’aspetto economico,nche i singoli cittadini stanno bene.In questo momento i Villacidresi stanno dando l’esempio di una vera democrazia partecipata,e’ tempo di finirla di subire passivamente scelte scellerate,che tutto avevavno fuorche’ di fare,

  3. l’interesse comune.Basta con i comportamenti da tre scimmiette,le sceklte che riguardano il paese e la sociata’villacidrese devono passare obbligatoriamente al vaglio del popolo villacidrese.Basta con la filosofia del mi curo il mio orticello,qundo fuori c’e’ il deserto.basta con politici arroganti e ottusi siano bianchi,rossi o neri,che sempre piu’ dimostrano con immensa ignoranza di non conoscere il vero significato della parola politica,ammesso che abbiano la capacita’ e la sensibilita’ di capire la necessita’ di conoscerlo.in questi giorni il popolo villacidrese sta giocando una partita decisiva per il proprio futuro,un futuro si spera che porti serenita’ e crescita sotto tutti i punti di vista

  4. Al giornalista Gian Luigi Deidda la solidarietà piena di chi sa cosa significa narrare criticamente gli accadimenti politici a schiena dritta. Bravo Gian Luigi, continua a denunciare i malaffari della politica e il consenso dei cittadini onesti non verrà meno.

  5. Gian Luigi non ti lasceremo solo in questa battaglia, per dare a Villacidro e ai Villacidresi onesti, la luce oscurata da personaggi senza scrupoli. Costui si circondano di personaggi squallidi, individui ormai conosciuti e additati dall’opinione pubblica, come persone privi di materia grigia,subalterni al sistema solo perché vengono inseriti in un circuito di assunzioni clientelari. Oggi improvvisamente i cittadini si sono accorti che questo sistema li stava soffocando, e alla gente quando gli manca l’aria per respirare, si ribellano. Chi che tira i fili di questa ribellione? Qualcuno continua ad insinuare che ci sono degli sciacalli, che approfittano di situazioni di malessere sociale per solo scopi politici. Niente di più falso, è la normale reazione di chi da diversi anni era schiavo del loro sistema ben collaudato. Ora con grande coraggio e responsabilità, dice BASTA.

    • cara nonna/ragazza il tuo sfogo dettato da anni di frustrazione sociale non devono indurti nell’errore di colpevolizzare chi ha opinioni differenti dalle tue,la constatazione del malessere generato dai politici rende diffidenti gli indecisi e come tu sai sono loro a fare la differenza nelle consultazioni elettorali,io ho chiesto al sig pensierolbero cosa volesse significare con il suo “FORZA PARIS” per’che non vorrei che ci fosse una “T” nascosta che precluderebbe ogni possibile considerazione nei suoi confronti e non per’che non abbia a sorte i destini di villacidro e della sardegna ma per’che FORTZA PARIS e stato legato a pili(minuscolo sempre voluto)che ritengo uno degli artefici del disastro sardo.

      • Sei fuori strada!io non ho padroni,soprattutto politici.Quanto a mauro pili,il minuscolo e ‘ voluto,ritengo sia uno dei personaggi piu’ squallidi in assoluto che si sia affacciato nella scena politica isolana,lui,personaggio in decadenza,di cavalcare l’onda ,ormai ne ha fatto il suo sport preferito.Il mio FORZA PARIS,aveva il senso piu’ genuino del grido dei sassarini,lanciati all’assalto,il senso piu’ nobile che un grande come Emilio Lussu,ha dato a queste parole,non quello che oggi pseudosardisti lacche’ o ex lacche’ berlusconiani vogliono dargli.Questi personaggi,non hanno neanche il diritto di pronunciarle.Quindi ribadisco,FORZA PARIS popolo villacidrese.

      • E senza offesa,il fatto che una persona possa fare una simile considerazione nei miei confronti,mi irrita,non poco,io sono abituato alla chiarezza,ripeto non ho padroni,e se appartenessi alla sponda alla quale tu ha sospettato,non avrei avuto problemi a rivendicare e difendere le mie idee,ma forse tu hai fatto tua la filosofia che a pensar male,spesso ci si azzecca.Cordialita’.

  6. Gian Luigi quello che avvenuto ieri sera a Villacidro è anche il risultato del tuo lavoro, una presenza così massiccia di giovani, meno giovani e bambini non si è mai visto a Villacidro negli ultimi trent’anni, così mi dicono quelli più grandi di me.Come dicevo prima è il risultato anche del tuo lavoro limpido e trasparente, una parte di giornalismo libero da pressioni e compromessi- Molti ieri sera erano indecisi di partecipare, anche per il freddo pungente e il pericolo pioggia, ma quello che successo nella sala del CIV (Consorzio Industriale di Villacidro) ha toccato il fondo, il nervosismo del presidente Piga è il sintomo di cose poco chiare, di persone che non vogliono essere intervistati perché non sanno cosa dire e non possono dire. Si circondano da pochi loro dipendenti esasperati, che fanno azioni da condannare e punire in termini di Legge. Ma colpa è la loro che vanno dicendo “se questo libero movimento di cittadini, alla lunga la vince, Voi sarete licenziati, VERGOGNA sono frasi false e causano reazioni spropositate, noi vogliamo conservare i posti di lavoro, anzi gli voliamo aumentare”- Trovi il coraggio di mostrare i veri bilanci e gli mandi nel sito,in quanto ancora privo di qualsiasi dato, metta tutto quello che entra e esce nella società Vilaservice. Siate finalmente trasparenti, non è dirlo a parole ma bisogna essere conseguenti. Ancora grazie Gian Luigi, ti assicuriamo che non resterai mai solo.

  7. Onore a te …che che il tuo lavoro ci mostri i malefatti di alcuni personaggi…ma secondo voi perché non tirano fuori tutto i conti??? E cosa più ignobile perché quel personaggio ti ha impedito in modo violento di fare domande al presidente di villaservice io una risposta me la sono data ….. Viva l onestà e onore alle persone come te

  8. Caro Gianluigi, hai tutta la mia solidarietà, ricordo che quando ricoprivo la carica al vertice di Villaservice fui da tè intervistato e risposi alle tue domande in maniera molto serena. Su Villa idro.info vi è la lettera sulle mie dimissioni da Villaservice che se ritieni opportuno puoi anche mettere in evidenza. Ti stringo in un abbraccio. Franco Gioi

  9. Purtroppo in questo scellerato paese(Italia),la stampa ,con rare eccezioni,e’ sempre stata allineata(vedi Repubblica,Corriere,Stampa,Giornale etc)con la politica e altri interessi che conosciamo bene…Una stampa libera e’ indipendente ,dovrebbe vigilare,non solo su come la politica amministra la cosa pubblica,ma anche e soprattutto informare i cittadini sulle loro malefatte e su tutto iul ciarpame che ormai trabocca inesorabilmente in ogni contesto vengano gestiti soldi pubblici.Nel tuo piccolo ,non cadere in questa tentazione,ma cerca d’essere un faro che illumini i tanti cittadini villacidresi,onesti e bramosi di verita’,che nonostante tuuto credo ce ne siano tanti,e credo anche che al momento opportuno faranno sentire la loro voce,in difesa di quei principi che vergognosamnete tanti politici hanno dimenticato o non hanno mai avuto,perche’ sono saltati sul treno solo per squallidi interessi personali.Per cui caro Gianluigi,testa alta,schiena dritta e FORZA PARIS,non sei solo,non permetteremo mai che la tua voce ,la nostra voce venga spenta.

  10. E soprattutto e’ tempo che i cittadini villacidresi,al di la’ degli schieramenti,si riprendano in mano la loro cittadina.Questa mattina mi trovavo fuori paese e ho sentito un gruppo di persone che commentava i fatti di Villacidro con frasi tipo:Vedete come hanno fatto a Villacidro,anche noi dobbiamo fare cosi’,li’ c’e’ gente con i coglioni.Devo dire che mi sono sentito orgoglioso d’essere villacidrese.

  11. Mi dice mio padre, faccio presene uomo di sinistra e militante quando era più giovane (allora vera sinistra villacidrese),che i villacidresi nel passato, erano un po’ discoletti e le situazioni che si stanno verificando ultimante non l’avrebbero permesso in modo più assoluto. Ora come dici tu “pensierolibero” c’è da essere orgogliosi, sicuramente i nostri antenati saranno entusiasti, i prepotenti primo o poi se la daranno a gambe levate, mi piace ricordare un detto SA MARICHEDDA A SA FORZA DE ANDAI A SA FUNTANA SI SEGADDA. Sono d’accordo con te fuori dalle logiche degli schieramenti di colore queste persone, vanno mandati a casa. Renzi c’è lo stà insegnando a livello nazionale, ultimo l’alleanza in Grecia, la sinistra al governo con la destra. Basta non farsi dividere da sirene e avvoltoi notrani, e il giocattolo che si sono creati da un ventennio gli lo facciamo scoppiare nelle mani.

    • Il problema è che prima la sinistra era all’opposizione e al minimo problema si faceva sentire con forza, ma da 35 è la sinistra al potere e l’opposizione non ha mai avuto la stessa forza e determinazione… D’altro canto si è sempre respirato un clima di paura ed era difficile protestare. Parlo per esperienze varie vissute in prima persona, dove per esempio ho toccato con mano la paura di tutti i geometri che alla mia richiesta di essere assistita per una contestazione al comune hanno rifiutato l’incarico dicendomi chiaramente che se si esponevano rischiavano di vedersi bocciare tutti i lavori che da allora in poi avrebbero presentato… Questo è solo un esempio ma ne avrei tante da raccontare e credo che tanti cittadini possano raccontare episodi analoghi…

  12. P.S. la sede politica di piazza municipio dove sabato sera si sono arroccati, e spiavano da dietro le finestre. Hanno mandato giù due o tre disgraziati, lo devono fare per tenersi il lavoro in zona industriale, quelli che tirano le fila non hanno avuto il coraggio di farsi vedere e non solo quelli, erano presenti personaggi che hanno dovuto presenziare alla adunata in sezione, perché il obbligo verso i loro capi. Ma ricordo ai villacidresi che quella sezione è stata acquistata da una colletta dell’allora P.C.I. dove anche mio padre e moltissimi villacidresi anno collaborando in denaro, e che loro hanno usurpato. VERGOGNATEVI

  13. bisogna riflettere e prendere atto che la contestazione se pur legittima e’ conseguenza di frustrazioni e soprusi subiti dalla popolazione di Villacidro nel tempo,certamente la tassa sui rifiuti e’ stata la classica che ha fatto traboccare il vaso.Probabilmente a capo di queste vicende c’e un BURATTINAIO che non si espone e non si fa vedere pero’ agisce e fa valere la sua posizione detterminante.Dall’alto della sua posizione di potere e con promesse mai mantenute tiene in scacco la maggior parte dei diseredati colpevoli di avere bisogno di lavoro e dignita’.Penso i Presidenti del Consorzio Industriale,Villaservice spa e amministratori tutti non siano nell’autorevolezza e competenza di avere ravvedimenti o prendere provvedimenti in merito alle contestazioni in atto.Prendiamo l’esempio di altri Comuni in situazione di contestazione simile alla nostra il Sindaco ha rassegnato le dimissioni in dissenso con l’applicazione delle tariffe… ma il nostro e’ un comune diverso forse ci sono interessi piu’ forti ????.

    • Si dice , che i cittadini che da più di 15 giorni occupano in modo pacifico e in assemblea permanente, che non vedono gli amministratori da circa una settimana.E mai possibile che Sindaco e gli 8 assessori comunali, non se ne vede uno dentro l’aula consiliare.Probabilmente hanno ricevuto l’ordine da Sindaco di ignorare i contestatori, che alla fine come dice in una intervista nel gionale il Presidente, della Villaservice,usando termini ricercati e sue testuali parole virgoletate che i cittadini villacidresi dicono “frasi senza fondamento che non corrispondono al vero.Sfoghi da ricondurre nell’alveo che loro compete, ovvero dell’invettiva fine a se stessa,destinata inevitabilmente a dissolversi”.Per semplificare meglio il senso del suo discorso, che i contestatori con le loro rimostranze, si dissolveranno nel nulla.Presidentissimo Lei stà prendendo una contestazione sera e fatta da persone intelligenti, assai in modo superficiale; Lei è stato messo li dalla politica, ma prima si ricordi che è stato eletto in consilio comunale, per poi dimettersi, per sedere nella poltrona della Villaservice, con i voti dei suoi cittadini. E le facciamo presente che a loro deve rispetto e risposte, perchè prima o poi deve confrontarsi con loro.Faccia il piacere prenda atto della sua situazione ingarbugliata e scottante, e decida di fare quel passo inevitabile e si dimetta.I villacidresi ringraziono anticipatamente

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.