Nuove imprese a impatto zero

2

SANLURI. Nelle aziende del Medio Campidano nasce la filiera a energia solare con nuove tecniche che, seguendo un nuovo modo di intendere e sentire il paesaggio e l’agricoltura, creano produzioni food e no food, a zero CO2, usando come energia primaria il sole da radiazione diretta, senza eolico e senza fotovoltaico.
«Questi concreti esempi di green economy, che non ricevono alcun finanziamento pubblico – ha precisato il presidente della Provincia, Fulvio Tocco, presentando ieri mattina aziende e prodotti “solari” – hanno origine nel progetto agro-ecoambientale ‘Vivere La Campagna’, sperimentato in questi anni dalla Provincia del Medio Campidano».

A fare la parte del leone fra le nuove tecniche ecologiche, che si inseriscono nella filiera naturale creata e portata avanti dalla Edilana di Daniela Ducato e da “Nuove tecnologie” di Graziella Caria, imprenditrici di Guspini che vanno raccogliendo una serie successi e riconoscimenti nella green economy regionale e nazionale, sono i forni solari del Re Sole, progettato da Alex Scano, giovane tecnico di Villacidro ideatore del “Distretto di democrazia solare” che collabora con la Banca del Sole di Guspini creata dal binomio imprenditoriale al femminile Ducato-Caria.

Nuove Tecnologie ha cominciato la produzione commerciale di forni da ristorante, da casa, da barca, da bicicletta, tutti funzionanti senza gas, senza elettricità, senza fotovoltaico, con esclusivo utilizzo delle radiazioni solari. Il coperchio del forno presenta, aperto, uno specchio che riflette i raggi solari all’interno provocando un effetto serra che cuoce ogni genere di alimenti, dalla carne al pane, dalle verdure ai dolci. I forni solari sono già stati adottati da un panificio di Gonnosfanadiga, da un’azienda casearia di Genna Sciria (Arbus) che produce formaggi, ricotte e cioccolatini al latte di capra, e dal ristorante di un hotel di Guspini. (l.on)

Articolo tratto da: la Nuova Sardegna

CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. E facile proporre un progetto che non hai inventato tu… visto che l’hai copiato da mio padre che l’ha inventato ben 5 anni fa!! e tu con la scusa di fargli qualche foto hai fatto il furbetto… ma come vedi ti abbiamo scoperto. . e io al posto tuo mi vergognerei!! che bravo inventore copione..

  2. Ciao Piccola, perchè dovrei vergognarmi? I forni solari esistono dal 1800 circa, e le prime cronache di cotture con il sole risalgono alla fine di quel secolo….
    Quindi neanche tuo padre ha inventato nulla, la cosa che ho “inventato” io è quella di utilizzare dei materiali ecologici (che naturalmente esistevano in natura) e trasformarli in un “fornosolare”.
    Se la Edilana ed Ecosirio hanno voluto il mio brevetto ci sarà una ragione.
    Comunque sono a disposizione per ulteriori informazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here